Il lago di Conza è un invaso artificiale costruito in una piana alluvionale naturale. Ha una superficie di circa 800 ettari e una profondità massima di 25 metri. A generarlo la costruzione di una diga voluta per accumulare acqua da destinare ad uso irriguo per la Regione Puglia, che ha sbarrato il corso del fiume Ofanto, uno dei fiumi più importanti del sud Italia. L’oasi è riconosciuta come Sito di Importanza Comunitaria e Zona di Protezione Speciale ed è gestita dal WWF Italia in convenzione con l’Ente Irrigazione di Puglia, Lucania e Irpinia. Intorno all’invaso si alzano dei modesti e dolci rilievi sui quali si estendono campi di grano, boschi di roverella, quercia e orniello.

L’oasi WWF del Lago di Conza ha attivato un sentiero per mountain bike che consentirà ai visitatori di poter fruire l’Oasi passeggiando comodamente in bicicletta e, attraversando porzioni di bosco ignofilo, ruderi di antiche fattorie e ampie zone di pascolo e di prato, di godere di un paesaggio estremamente suggestivo e di osservare la fauna selvatica che abita l’aria.

Il sentiero che ripercorre un antico tracciato che fino agli anni 70 collegava tra loro le numerose fattorie che sorgevano sui fertili terreni bagnati dal fiume Ofanto, è marcato con segnaletica di colore rosso, ed è pressoché pianeggiante, con salite brevi e non eccessivamente faticose rendendo possibile la passeggiata anche a gruppi familiari.

Il visitatore potrà percorrere il bellissimo prato naturale dell’Oasi e incantarsi osservando il meraviglioso paesaggio disegnato dall’azzurro del lago e dalle dolci colline Irpine e osservare uccelli acquatici cormorani e aironi, rapaci come nibbi e falchi pescatori e ancora allodole, storni, cappellacce e saltimpali.

Il percorso parte dal Centro Visite dell’Oasi, che si presenta come una struttura accogliente e curata nei particolari, e si snoda lungo la sponda meridionale ed è percorribile solo previa prenotazione ed esclusivamente nel periodo estivo/autunnale quando il livello dell’acqua si abbassa sensibilmente. La bici può essere noleggiata direttamente nell’Oasi.

Per i visitatori che scelgono “le camminate”, la fruizione dell’Oasi di Conza è concentrata nella zona adiacente il centro visite da cui partono due percorsi: Il sentiero natura e il sentiero cicogna bianca. Il sentiero natura si sviluppa completamente su un camminamento in legno, sopraelevato di alcuni centimetri rispetto al terreno così da permettere l’accesso si disabili ma anche ai visitatori non esperti in caso di giornate piovose. Lungo il sentiero sono posizionate bacheche e pannelli illustrativi su habitat, fauna e flora dell’Oasi. Il sentiero della cicogna bianca invece si sviluppa su un camminamento ricavato con pietrisco che circonda l’area faunistica della cicogna e permette l’ingresso in un capanno da cui è possibile osservare alcuni esemplari della Cicogna bianca.

L’Oasi di Conza organizza anche laboratori didattici per le scuole che abbracciano vari temi: la migrazione degli uccelli, la produzione di miele, le piante officinali.

Utile il binocolo, necessarie scarpe comode, per la sosta si possono utilizzare i tavoli dell’area attrezzata.

 

About the Author

Related Posts

Dino Park, il Parco dei Dinosauri, si trova a San Lorenzello, nel Sannio beneventano e precisamente...

C’è un alone di magia che circonda ogni Faro e quello che domina il Golfo di Pozzuoli da Capo Miseno...

A pochi passi dalla splendida Paestum, inserita all’interno del Parco Nazionale del Cilento e...

Leave a Reply