Pietrelcina, il paese natale di Padre Pio è un borgo medioevale di indubbia bellezza.

Il presepe vivente che va in scena qui ricrea scene fedelissime all’immaginario legato alla nascita di Gesù.

Per questo, il presepe vivente di Pietrelcina è uno dei più affascinanti e partecipati della regione.

Il presepe di Pietrelcina nacque nel 1987, in occasione del centesimo anniversario della nascita di Padre Pio.

La prima rappresentazione si svolse nel locale sottostante la casa natale di Padre Pio nel rione “Castello”. L’interesse che queste prime scene suscitarono fu tale da registrare un altissimo numero di visite. Questo entusiasmo si è protratto sempre più nel tempo.

Si pensò di organizzare la manifestazione per tre giorni stabiliti, 27, 28 e 29, in modo che diventasse un appuntamento importante annuale dalle date certe. Si cercò anche di migliorare nella scenografia ampliando le zone della rappresentazione. Si prestò sempre più attenzione ai costumi, con una meticolosa opera di ricerca.

Con grande precisione, dunque, ogni anno viene allestito il paesaggio. L’allestimento tiene conto degli aspetti tipici dei villaggi palestinesi, ricchi di vegetazione spontanea.

Nel mese di dicembre, con l’avanzare dei lavori, le mura esterne delle case e i vicoli del centro storico cambiano aspetto. Palme, rami, cespugli di canne e paglia, vengono sistemati in modo da cancellare ogni traccia dei tempi in cui viviamo.

La maggior parte delle scene ritraggono mestieri per lo più rari oggi, utilizzando arnesi che risalgono all’infanzia dei nostri nonni. Gli attori, in base alla propria esperienza, permettono di vedere come un tempo si faceva il formaggio o la pasta di casa, il pane o i dolci tipici della zona, come si lavavano i panni o si filava la lana. Ancora come si impagliavano le sedie o si fabbricavano le ceste, come si scolpiva la pietra o come si lavoravano il ferro, il legno, le pelli.

Scene bellissime e indimenticabili, come quella della natività con l’ultimo nato a Pietrelcina, nella stalla al di sotto della casa natale del Santo.

La splendida rievocazione della nascita di Cristo, tornerà i prossimi 27, 28 e 29. Un’esperienza imperdibile per chi ama i presepi e le atmosfere di religiosità natalizie.

 

 

About the Author

Related Posts

Dino Park, il Parco dei Dinosauri, si trova a San Lorenzello, nel Sannio beneventano e precisamente...

C’è un alone di magia che circonda ogni Faro e quello che domina il Golfo di Pozzuoli da Capo Miseno...

A pochi passi dalla splendida Paestum, inserita all’interno del Parco Nazionale del Cilento e...

Leave a Reply