La riserva Valle delle Ferriere è un’area naturale protetta della Campania situata nella Provincia di Salerno.

Il suo particolare nome deriva dalla presenza delle antiche ferriere della Repubblica Amalfitana, le quali erano attive soprattutto nella produzione di chiodi per le imbarcazioni.

Si tratta di un luogo unico al mondo, raggiungibile persino a piedi da Amalfi, con circa un’ora di cammino. Una volta arrivati si possono ammirare cascate e percorsi d’acqua che rendono l’ambiente molto fresco anche in piena estate, ma anche tante altre bellezze naturalistiche che lasciano a bocca aperta il visitatore.

La riserva è infatti un luogo molto ricco dal punto di vista botanico e fitogeografico, dato che conserva al suo interno numerosi esemplari di piante risalenti ai tempi più antichi.

La parte più interessante della Valle Delle Ferriere è senza dubbio costituita dalla Riserva Naturale Orientata, che si trova al centro della stessa, mentre i sentieri ufficiali che ne consentono la visita sono due: uno con partenza da Amalfi ed uno con partenza da Pontone.

Da questi luoghi si può raggiungere la Valle che, grazie alla sua posizione geografica, conserva caratteristiche territoriali eccezionali in quanto ha beneficiato di determinati caratteri fisici e biologici dell’ambiente. La Valle è infatti protetta dai costoni rocciosi che la riservano dai freddi venti settentrionali ed è esposta prevalentemente a Sud, condizioni che creano una buona ambiente ecologico dove predominano l’elevata umidità ed escursioni termiche estremamente moderate.

In questo ambiente straordinario hanno potuto sopravvivere colonie di vegetali di estremo interesse, conservate da epoche lontanissime. Tra queste specie relitte che risalgono al terziario spiccano quelle termofile e soprattutto la felce gigante Woodwardia radicans individuata per la prima volta dal botanico Pier Antonio Micheli nel 1710. Si tratta di una testimonianza rarissima in Italia della flora preglaciale, che solo qui e in aree come il Vallone Porto di Positano, ha potuto veder soddisfatte le proprie esigenze di umidità.

Sempre nella Valle Delle Ferriere si può avvistare la celebre Salamandra pezzata, un urodelo appartenente alla famiglia Salamandridae, ma anche la Pteris cretica, la Pteris vittata e la pianta carnivora Pinguicola hirtiflora.

L’intero ecosistema rappresenta qualcosa di unico, di inestimabile valore scientifico e naturalistico.

Lungo la Valle Delle Ferriere si possono fare poi escursioni immersi nel verde e praticare trekking, ma soprattutto godere di un’atmosfera magica e respirare aria pulita a stretto contatto con la natura e con un vero e proprio pezzo di storia.

La Salamandra Pezzata, uno degli abitanti della Valle delle Ferriere La Salamandra Pezzata, uno degli abitanti della Valle delle Ferriere

About the Author

Related Posts

Dino Park, il Parco dei Dinosauri, si trova a San Lorenzello, nel Sannio beneventano e precisamente...

C’è un alone di magia che circonda ogni Faro e quello che domina il Golfo di Pozzuoli da Capo Miseno...

A pochi passi dalla splendida Paestum, inserita all’interno del Parco Nazionale del Cilento e...

Leave a Reply