Lo scorso 1 ottobre, in occasione della IV edizione dell’Assemblea Nazionale di Igers Italia, la comunità che riunisce tutti gli Instagramers nazionali e alla quale ha partecipato anche Insolita Italia, sono stati organizzati  tre diversi tour alla scoperta di tre località, con lo scopo di valorizzare il territorio toscano.

Il terzo tour ha fatto tappa nella zona della Val di Chiana.

Geograficamente la Val di Chiana è una valle di origine alluvionale dell’Italia centrale, ricompresa tra le province di Arezzo e di Siena, in Toscana, e tra quelle di Perugia e di Terni, in Umbria.

Di questa zona, nel suo “Viaggio in Italia” Goethe scriveva:

« Non è possibile vedere campi più belli; non vi ha una gola di terreno la quale non sia lavorata alla perfezione, preparata alla seminazione. Il formento vi cresce rigoglioso, e sembra rinvenire in questi terreni tutte le condizioni che si richieggono a farlo prosperare. Nel secondo anno seminano fave per i cavalli, imperocché qui non cresce avena. Seminano pure lupini, i quali ora sono già verdi, e portano i loro frutti nel mese di marzo. Il lino pure è già seminato; nella terra tutto l’inverno, ed il freddo, il gelo lo rendono più tenace. »

Durante il tour organizzato da Igers Italia e Insolita Italia, la prima tappa è stata Cortona con la visita alla casina “Baracchi” Il Falconiere, un’elegante villa di campagna caratterizzata dai piaceri della buona tavola e del buon vino, e relativa degustazione.

Relais & Chateaux Il Falconiere – Ph. krabizza

Subito dopo è stata la volta del Museo Maec, ovvero il Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona, uno dei più importanti musei della città.  Il palazzo Casali, sede del museo, fu edificato probabilmente nel corso del XIII secolo e fu residenza della famiglia che dal 1325 resse la signoria della città di Cortona. Tra le opere più famose del Museo si annovera sicuramente “La Maternità”, del celebre pittore futurista Gino Severini, ma anche il lampadario etrusco, uno dei pezzi più pregiati, noti e significativi appartenenti al Museo.

Non poteva mancare poi durante il tour in Val di Chiana una visita alla Fortezza del Girifalco: posta nel punto più alto di Cortona, questa fortezza quasi sovrasta l’abitato e fu costruita su progetto di Gabrio Serbelloni nel 1561, per volere del Granduca Cosimo I dei Medici.

Fortezza del Girifalco – Ph. alexandros76

Infine il tour organizzato in occasione dell’Assemblea Nazionale di Igers Italia a cui Insolita Italia ha preso parte, è proseguito con un giro nel bellissimo centro storico di Cortona, dominato dal Duomo, dalla Basilica di Santa Margherita e da tanti altri monumenti di interesse religioso e non solo, per terminare con la visita alla mostra fotografica “Cortona on the move”, un festival internazionale che propone le eccellenze del panorama fotografico mondiale attraverso mostre, workshop, eventi e iniziative per artisti emergenti.

About the Author

Related Posts

Dino Park, il Parco dei Dinosauri, si trova a San Lorenzello, nel Sannio beneventano e precisamente...

C’è un alone di magia che circonda ogni Faro e quello che domina il Golfo di Pozzuoli da Capo Miseno...

A pochi passi dalla splendida Paestum, inserita all’interno del Parco Nazionale del Cilento e...

Leave a Reply