La lapide di Polla (Lapis Pollae) è un’epigrafe in lingua latina e si trova davanti alla Taverna del Passo, lungo la SS 19 delle Calabrie.

Lapis Pollae è un “miliario” di età romana, un’iscrizione su pietra che dà notizia della costruzione della Via Annia, la quale collegava Reggio a Capua. Fu realizzato intorno alla metà del II secolo, poco prima del 150 a.C.

Di grande rilevanza storica, l’iscrizione riflette anche la vita del tempo: queste zone erano popolate da pastori che proprio in quegli anni cominciavano a cedere il campo agli agricoltori, i quali dalla coltivazione delle terre potevano trarre un sostentamento più congruo alle necessità della famiglia. L’iscrizione è stata per lungo corso di secoli considerata come un tabellario stradale, sul quale i viaggiatori potevano leggere il numero delle miglia che dovevano ancora percorrere, sia che si dirigessero verso il sud che verso il nord.

 L’autore, il console Tito Annio Lusco, nell’iscrizione si vanta di aver introdotto l’agricoltura in luogo della pastorizia e soprattutto di aver voluto la costruzione della strada e del Forum Anni. Quest’ultimo era un agglomerato di caso edificato intorno al 153 a.C. lungo l’omonima strada al fine di offrire la possibilità ai viaggiatori di una sosta e di un ristoro. Il foro costituirà il nucleo originario del paese, che prenderà il nome di Polla.

About the Author

Related Posts

La Chiesa di S. Maria della Misericordia a Pignataro Maggiore fu costruita nel 1757. I lavori...

Non tutti sanno della profonda vocazione artistica di Rione Sanità: molti conoscono questo...

La Basilica della Madonna delle Grazie a Benevento fu iniziata nel 1839, anche se la costruzione...

Leave a Reply